La portata di un cavo

Pubblicato: marzo 30, 2011 in Elettrotecnica, Impianti Elettrici, Portata dei cavi

La portata Iz di un cavo è:

Cavi elettriciLa portata Iz di un cavo è:

Il massimo valore della corrente che può fluire permanentemente nel cavo senza che quest’ultimo superi la massima temperatura ammissibile per l’isolante.

La massima temperatura ammissibile nel servizio ordinario (ovvero senza la presenza di guasti) è:

\Theta z=70^{\circ}C per cavi isolati in PVC.

\Theta z=90^{\circ}C per cavi isolati in EPR o con XLPE.

Le portate dei cavi in rame per bassa tensione (BT) sono riportati nelle tabelle:

- CEI-UNEL 35024/1 per i cavi isolati con materiale elastomerico o termoplastico;

- CEI-UNEL 35024/2 per i cavi ad isolamento minerale.

I cavi possono essere raggruppati in strati oppure in fascio.

Per strato si intende un gruppo di cavi affiancati, posati su passerella o mensole.

I cavi posati in strato possono essere distanziati o non distanziati.

Due cavi aventi diametro esterno $latex d_{E} $ si considerano distanziati quando la loro distanza D soddisfa la condizione:

D>2\cdot d_{E}

Se i cavi sono di diversa sezione, si considera il diametro esterno del cavo di sezione maggiore.

Per il fascio si intende un raggruppamento di cavi non distanziati e non posati in strato.

Ordinando i tre tipi di raggruppamento dei cavi in base alla difficoltà di raffreddamento, si ha:

1) raggruppamento in fascio (elevata difficoltà di raffreddamento);

2) raggruppamento in strato non distanziati (difficoltà di raffreddamento intermedia);

3) raggruppamento in strato distanziati (bassa difficoltà di raffreddamento).

Raggruppamento dei cavi

Indicando con:

 

Iz_{1} = portata massima del cavo riferita al raggruppamento in fascio,

Iz_{2} = portata del cavo riferita al raggruppamento in stato non distanziati,

Iz_{3} = portata del cavo riferita al raggruppamento in stato distanziati,

si ha:

Iz_{1}<Iz_{2}<Iz_{3}

ovvero, per quanto riguarda la portata, il raggruppamento meno favorevole è quello in fascio, mentre quello favorevole è quello in strato distanziati.

Con riferimento al raggruppamento in fascio e alla posa in tubo protettivo (incassato o a parete) o in canale (a parete, sospeso, a pavimento), la portata dei cavi, senza guaina o con guaina, può essere calcolata con la seguente formula:

I_{z}=2,65\cdot \frac{\left (\theta _{z}-\theta _{A}  \right )^{0,5}\cdot S_{N}^{0,625}}{n^{0,32}}

 

nella quale:

\Theta_{Z} = massima temperatura ammissibile nel servizio ordinario.
\Theta_{A} = temperatura ambiente (salvo casi particolari, si assume il valore convenzionale di 30°C);
S_{N} = sezione nominale del cavo. Si misura in mm^{2}
n = numero di conduttori caricati presenti nel tubo o nel canale.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...